La tassazione sul forex

Quando si parla di forex online e di tutte le pratiche attinenti come ad esempio il gtcm, che garantisce le norme sul mercato del forex e del trading, bisogna avere un occhio di riguardo e molta attenzione alla tassazione sul forex.

Informazione sulla tassazione

I guadagni relativi al forex sono stati per un diverso periodo di tempo considerati esentasse,   basta che  q non superavano la cifra di 50.000 euro annui  e tutti i conti in valuta estera non fossero trattenuti per più di una settimana  e questo soprattutto per chi sia affacciava al mondo del trading era una risorsa al quanto importante.

Visti gli altri profitti che vengono fatti attraverso il forex, lo Stato Italiano, attraverso l’ Agenzia delle Entrate,  ha deciso di tassare tutti i guadagni fatti con il forex online

Dal 2010 l’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione n 67/E del 6 luglio 2010, relativa al Trattamento fiscale delle plusvlalenze, ha cominciato a riscuotere tasse dal forex come fossero derivati da cambiamenti formativi tassando i guadagni con un aliquota pari al 20 % calcolata sia sulle percentuali di successo che di perdita.

Nel 2011 attraverso la Risoluzione n. 102/ E del 25 ottobre 2011, la Tassazione dei redditi di diversa natura, che condiziona le operazioni  chiuse al termine della giornata  e che vengono riaperte il giorno successivo  considerandoli contratti finanziari differenziali.

Per pagare le tasse relative alle operazioni di forex è importante inserire la somma guadagnata nella cartella della dichiarazione dei redditi in modo che la somma può essere detratta dall’ Agenzia delle Entrate.

Per i broker del forex italiani il pagamento delle tasse risulta essere più semplice,  infatti  loro effettuano il calcolo togliendo la somma e versandola nelle case dell’erario anche se si è imposto il problema che molti forex broker sono stati chiusi dalla Banca d’ Italia  anche per scarse funzioni di protezioni  per i trader.

Per tutti gli amanti del forex è consigliabile perdere del tempo per calcolare quanto pagare e versare le tasse,  prima di tutto per una questione morale visti gli enormi guadagni, che si possono fare con il forex, nonostante l’ Agenzia delle Entrate non può entrare in merito dei guadagni sul broker estero, ma con i numerosi guadagni fatti con il forex è possibile investire i soldi per far aumentare il nostro portafoglio e quindi consigliabile pagare le tasse per evitare scocciature e continuare a guadagnare con il forex e le proprietà acquisite grazie ai profitti guadagnati.

 

Comments

comments